Giochi da tavolo


Chi ha detto che i giochi da tavolo non sono più “cool”?
Quella dei giochi da tavolo è una storia piuttosto controversa e complessa, fatta di flussi e riflussi storici.
Da prima nati sotto forma di semplici giochi di carte, i giochi da tavolo hanno subìto prima una rapida evoluzione (tradotta in passatempi più o meno articolati quali dama, mulino e metropoly) e poi un altrettanto repentino arresto.

L’avvento di Internet e della nuova generazione di gaming, che vede l’interconnessione non solo un mero scambio di pacchetti-dati, ma un mezzo innovativo e pulsante per socializzare con il prossimo, ha indubbiamente riportato in auge i vecchi giochi da tavolo dando loro una seconda vita.
Nonostante il gioco da tavolo tradizionale venga spesso soppiantato proprio dai videogiochi, in special modo tra gli adolescenti, forme di intrattenimento collaborative si fondono sempre più nel “gaming 2.0” in un connubio tra analogico e digitale assolutamente senza precedenti.
Che si svolgano sullo schermo di un PC o su un tradizionale piano di cartone, i giochi da tavolo mettono il bambino di fronte alla necessità di:

  • Capire e seguire determinate regole
  • Comprendere valori derivanti da simboli, numeri e/o quantità
  • Confrontarsi con gli altri, abbandonando il proprio ruolo o assumendone uno nuovo
  • Riconoscere sia la vittoria che la sconfitta
  • Pianificare le proprie azioni
  • Progettare strategie più o meno complesse

Non facciamoci trarre in inganno: se i nostri figli non si dimostrano sufficientemente interessati ai giochi da tavolo è perché, forse, non sono stati adeguatamente stimolati.
Recenti studi statistici hanno dimostrato di fatti, che i bambini, pur essendo naturalmente attratti dai giochi di società di ogni genere e tipo, non hanno sovente il tempo materiale per provarli. Impariamo, dunque, a rispettare e ad assecondare le esigenze dei nostri bimbi: non sovracarichiamoli di impegni e lasciamoli interagire tra loro attraverso giochi da tavolo semplici, divertenti ed emozionanti, in grado di attirare subito la loro attenzione.